Tag

, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

time-warp

di Giuliana Guazzaroni

Scena prima. I faraglioni di Capri. Gavin Tremaine e sua sorella Eliza discutono di fronte allo spettacolo del cielo terso, del mare, della roccia e del vento. Passato, presente e futuro fanno capolino nelle parole, come anche nei pensieri di Gavin.
Eliza, un’adolescente di Seattle, ama un certo tipo di musica. Suo fratello, di mestiere futurista, si sforza di andarle incontro. Si trovano a Capri, come del resto molte altre persone accorse per partecipare a una convention sul futuro. La location, ricca di storia e fantasmi del passato, si troverà per pochi giorni immersa in previsioni, promesse di business, gadget geek, realtà aumentata e discorsi modaioli.

I due fratelli di Seattle sono lì, sotto il caldo sole italiano, sono in attesa. Eccoli lì fratello e sorella respirano a pieni polmoni un passato-presente-futuro che si dipanerà in modo non lineare.
Sono due geek, come la gran parte dei personaggi che via via conosceremo durante la lettura di L’amore è strano, l’ultimo romanzo di Bruce Sterling uscito esclusivamente in versione eBook per 40K.
Ognuno di questi personaggi restituisce ai lettori una passione del loro autore. Eliza, per esempio, porta nel suo zainetto un lettore CD portatile. Uno zombi obsoleto che assumerà, nel contesto della narrazione, sfumature di gusto romantico-gotiche.
Farfalla Corrado, partecipa alla convention.
Come Gavin, sa leggere il futuro. Italiana cresciuta in Brasile, ha appreso fin da bambina le arti del vudù e in queste crede con infantile ostinazione.
Farfalla e Gavin s’incontrano a Capri, ma quando tutto sembrava andare verso il coronamento dei loro desideri il meccanismo si altera. Ne fuoriescono fantasmi, profondità cosmiche, insight terrificanti, in altre parole orrori quotidiani. Gavin intriso di futuro e previsioni di capitali inceppa nel suo io più profondo, mentre Farfalla non riesce più ad accettare la sua vita.
Ma il futuro, si sa, oggi si chiama Brasile. Qui e solo qui il tempo perderà definitivamente la sua linearità, per prolungarsi o per accorciarsi. Si piegherà su se stesso in posizione fetale, andrà alle origini della vita.
Si stenderà, in un tempo non-tempo, e arriverà a toccare la vecchiaia dei protagonisti per lasciarli finalmente liberi di interpretare a ritroso il tessuto narrativo della propria esistenza (foto di thewordthoughtsblog).