Tag

, , , , , , , , , , , , , , , , , ,

machella2 (1)

di Gianni Lorenzetti

Dalla prima fan, Nonna rock, verso l’infinito e oltre. La cantautrice maceratese Alessandra Machella segna un altro punto e rompe gli argini nazionali venendo selezionata dall’artista internazionale  Me’Shell Ndegeocello per l’apertura del suo concerto di Salerno, questa sera, al Modo jazz club. Dopo la partecipazione a Musicultura, il piazzamento tra i finalisti al festival di Castrocaro e la presenza ad Area Sanremo, Alessandra Machella respira aria di internazionalità. “La cosa che mi rende più felice – dice la Machella – è che sono stata scelta proprio dall’immensa  Me’Shell Ndegeocello, è stata proprio lei a volermi. Tutto è nato dal fatto che la Barley arts, la più grande promoter di eventi in Italia, che cura concerti come quelli di Bruce Springsteen e Madonna, si era accordata con il festival di Castrocaro per far fare l’apertura di alcuni grandi concerti ai tre vincitori del festival. Io non ero tra i tre vincitori, ma tra i dodici finalisti e Me’Shell Ndegeocello ha deciso di ascoltare tutti e dodici i finalisti prima di scegliere chi avrebbe aperto il suo concerto. Mi ha scelto. Sono emozionata, elettrizzata, felice”. Me’Shell Ndegeocello sarà a Salerno per la promozione del suo ultimo album, Pour une âme souveraine, dedicato a Nina Simone. E per un’anima sovrana ci sarà sì una serata di jazz, ma con una buona dose di rock in fase di apertura. “Suonerò per quaranta minuti – prosegue Alessandra Machella – e sicuramente proporrò If, che è il brano con il quale ho partecipato a Castrocaro e che ha vinto la gara radiofonica su radio 1 rai, poi non mancheranno due brani inediti, che saranno nel mio prossimo album, quali Shh e Oltre le aspettative. Sicuramente farò anche Noi, canzone che ho portato ad Area Sanremo quest’anno e con la quale sono arrivata nona su otto concorrenti che passavano, e infine, probabilmente, un paio di cover”. Certo è che ricevere una telefonata dalla Barley arts non è cosa da tutti i giorni, una major notevole, ma soprattutto essere scelti da Me’Shell Ndegeocello non ha prezzo, “anche perché oltre che essere una musicista e cantante è anche una produttrice, quindi incrociamo le dita e chissà”. Quella di Alessandra Machella è una parabola in continua ascesa, infatti oltre al concerto di stasera ha già aperto alcuni live di artisti quali Daniele Groff, Albano, Simone Cristicchi, Niccolò Fabi, Roberto Angelini, Pier Cortese ed è stata chitarrista e corista, per un paio di anni, di Lighea. Non solo, infatti a maggio suonerà al Circolo degli artisti di Roma, e molte altre date arriveranno. Il trampolino di lancio è installato, e Alessandra Machella, con le sue chitarre Martin normali e mini, e il suo ukulele, sicuramente stanno già prendendo la rincorsa per portare il rock anche sulla luna. Insomma, da Nonna rock, verso l’infinito e oltre.

In foto Alessandra Machella